la biblioteca

pagina
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
...
148
A cura di: Giordana Benazzi, Elvio Lunghi, Enrica Neri Lusanna.

Gubbio al tempo di Giotto. tesori d'arte nella terra di Oderisi.

Perugia, Fabrizio Fabbri, 2018. Cm. 30x21, pp. 335, tavv. e ill. a col. n. t., br.

Catalogo della mostra: Gubbio, Palazzo dei Consoli, 2018.

La città di Gubbio conserva intatto il suo splendido aspetto medievale, con le chiese e i palazzi in pietra che spiccano contro il verde dell'Appennino. È ancora la città del tempo di Dante e di Oderisi da Gubbio, il miniatore che il sommo poeta incontra tra i superbi in Purgatorio e al quale dedica versi importanti, che sanciscono l’inizio di un’età moderna che si manifesta proprio con la poesia di Dante e l'arte di Giotto. La mostra vuol restituire l’immagine di una città di media grandezza ma di rilievo politico e culturale nel panorama italiano a cavallo tra la fine del Duecento e i primi decenni del Trecento, esponendone il patrimonio figurativo sia civile che religioso. Per l’occasione ha restaurato dipinti nascosti dalla polvere dei secoli, riconsegnando a Gubbio opere disperse nel corso della storia, riunendo quadri degli stessi pittori eugubini destinati ad altre città dell'Umbria, chiamando importanti prestiti dall’estero. Dipinti su tavola, sculture, oreficerie e manoscritti miniati delineano, anche con nuove attribuzioni, le fisionomie di grandi artisti come Guido di Oderisi, alias Maestro delle Croci francescane, Il Maestro della Croce di Gubbio, il Maestro Espressionista di Santa Chiara ovvero Palmerino di Guido, “Guiduccio Palmerucci”, Mello da Gubbio e il Maestro di Figline. Il padre di Oderisi, Guido di Pietro da Gubbio, viene oggi identificato in uno dei protagonisti della cosiddetta “Maniera Greca”, da Giunta Pisano a Cimabue. Palmerino fu compagno di Giotto nel 1309 ad Assisi, e con lui dipinse le pareti di due cappelle di San Francesco, per poi tornare a Gubbio e affrescare la chiesa dei frati Minori e altri edifici della città. A “Guiduccio Palmerucci”, oggi nome di convenzione, si attribuiscono ancora rapinosi polittici. Mello da Gubbio scrisse il proprio nome ai piedi di una Madonna dal volto pieno e giulivo come le Madonne di Ambrogio Lorenzetti nella città di Siena. Il Maestro di Figline, che dipinse le vetrate per il San Francesco ad Assisi, poi il grande Crocifisso nella chiesa di Santa Croce a Firenze, è probabile che avesse lasciato a Gubbio uno straordinario polittico nella chiesa di San Francesco, che possiamo di nuovo ammirare in questa mostra grazie agli odierni proprietari che ne hanno concesso per la prima volta il prestito. Dai documenti d'archivio e dall'aspetto delle Madonne e dei Crocifissi appesi alle pareti dei musei, risulta come fossero originari di Gubbio i pittori che si affiancarono a Giunta Pisano, poi lavorarono accanto a Giotto e infine a Pietro Lorenzetti, per rivestire d'immagini variopinte il capolavoro che aprì le porte dell'arte moderna nella chiesa eretta sopra la tomba del santo di Assisi. Tornati in patria, quei pittori, che erano stati coinvolti nella nuova lingua di Giotto e di Pietro Lorenzetti per un pubblico di papi e cardinali, si cimentarono con un piglio raffinato nello stile e popolare nell’aspetto illustrativo, per farsi intendere anche da un pubblico di fabbri e di maestri di pietra. Si parlò allora a Gubbio la lingua della lauda assieme alla lingua della Commedia.

2018
40.00 €
 
MEONI, Lucia.

Gli arazzi nei musei fiorentini. La collezione medicea, catalogo completo. III. La manifattura all'epoca di Ferdinando II De' Medici. La direzione di Pietro Févére e Giovanni Pollastri e la produzione di Pietro e Bernardino Van Asselt(1630-1672).

Livorno, Sillabe, 2018. Cm. 24x30, pag. 824, pag. a col e in nero, plast con bandelle.

Enciclopedia unica nel suo genere, questo terzo volume ripercorre lo sviluppo della più importante manifattura di arazzi italiana, sotto la guida di Pietro Févére e Giovanni Pollastri con la produzione di Pietro e Bernardino Van Asselt (1630-1672). Si ricostruisce così la vicenda di un prodotto artistico fondamentale nella evoluzione del gusto e del collezionismo. La manifattura medicea, vera e propria industria di stato ormai famosa in Europa in questa nuova fase della sua storia apre le porte anche alle richieste della committenza privata con prodotti di altissima qualità. La ricchissima e inedita campagna fotografica, comprensiva di tutti gli arazzi patrimonio delle Gallerie pubbliche fiorentine, fa di questa opera uno strumento essenziale per comprendere uno dei periodi cruciali dell'arte e della storia della manifattura italiana a partire dalla metà del XVI secolo.

2018
70.00 €
 
A cura di Giovanni Curatola.

Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento.

Firenze, Giunti, 2018. Cm. 21x29, pag. 351, fig. a col. cart e sovrac. Catalogo della mostra a Firenze- Uffizi Aula Magliabechiana e Museo del Bargello- Giugno, Settembre 2018.

Il catalogo presenta i rapporti e gli scambi reciproci che intercorrono tra Firenze e l'area culturale islamica fra Quattrocento e primo Seicento. Punto di forza della mostra (che è allestita in due sedi: Uffizi e Bargello), e del suo catalogo, è la grande varietà e qualità di oggetti: tappeti, tessuti, suppellettili in legno, ceramica, vetro, ma anche metalli, avori, pietre dure, manoscritti. Le collezioni granducali si sono rivelate ricchissime di opere, ma in mostra sono anche prestiti da importanti collezioni italiane e straniere, tutte convergenti a testimoniare l'interesse con cui le due coste del Mediterraneo si guardavano nel periodo rinascimentale. Una spettacolare rassegna di oggetti rari e preziosi, imbevuti del fascino del vicino Oriente.

2018
35.00 €
 
pagina
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
...
148
torna alla copertina