la biblioteca

pagina
1
...
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
...
149
A cura di: Elisabetta Nardinocchi, Matilde Casati, con prefazione di Antonio Paolucci

Raffaello, Rubens, Tiepolo Studi d’Autore dal ’500 al ’700.

Livorno, Sillabe, 2018. Cm. 24x26, pag. 87, fig. a col, br. con alette.

Catalogo dellla mostra  a Firenze- Museo Horne- Aprile, Luglio 2018.

Ventuno disegni scelti con cura ci accompagnano nell’universo ricco di incanto dell’idea creativa e progettuale da cui sono nate le opere d’arte di alcuni nostri grandi artisti e maestri. Sono molte le chiavi di lettura per avvicinarsi a questa mostra, dalla qualità e bellezza degli esemplari scelti, all’importanza degli autori che sottolinea il ruolo di primo piano svolto da Horne collezionista, al rapporto intimo che lega il disegno all’opera realizzata, come nel caso – ricordato da Antonio Paolucci – degli stupendi disegni di Raffaello preparatori per gli affreschi delle Stanze dei Musei Vaticani, che furono scuola per generazioni di artisti. Molti dei disegni esposti rimandano ad opere presenti a Firenze, quasi a costituire un invito a raggiungere, a pochi passi dall’Horne, il Museo di Casa Buonarroti e, di lì, Palazzo Vecchio, la Galleria Palatina, ed infine l’Accademia di Belle Arti e la Villa medicea della Petraia, in un itinerario artistico inedito e ricco di suggestioni.

2018
16.00 €
 
A cura di Francesca De Luca. Saggi di Caterina Caneva, Enrico Colle, Antonio Paolucci e Chiara Toti.

La collezione Contini Bonacossi nelle Gallerie degli Uffizi.

Firenze, Giunti, 2018. Cm. 29x21, pag. 335, fig. a col, cart e sovrac.

Nel 1998 viene allestita, agli Uffizi, una serie di sale che espongono le centoquarantaquattro opere della collezione Contini Bonacossi. Si tratta dell'atto conclusivo di una vicenda lunga, tortuosa e ricca di colpi di scena, iniziata nel 1969 con la donazione delle opere allo Stato da parte degli eredi dell'antica famiglia fiorentina. Si tratta di una raccolta ricca di capolavori di artisti come Duccio di Buoninsegna, il Sassetta, Andrea del Castagno, Giovanni Bellini, Giovanni Boltraffio, Giovan Gerolamo Savoldo, Paolo Veronese, Gian Lorenzo Bernini, Jacopo Tintoretto. Questo volume traccia la storia della collezione e le vicende della donazione, ma soprattutto presenta per la prima volta in forma di guida-catalogo tutte le opere della raccolta e i pezzi principali commentati da specialisti.

2018
38.00 €
 
Trascrizioni di Bruno Chiappa, annotazioni di Andrea Tomezzoli.

Giambettino Cignaroli. Memorie.

Verona, Scripta, 2017. Cm. 24x17, pag. 368, fig. a col, br.

Tanti, innumerevoli sono i protagonisti di trentasei carte di un piccolo taccuino manoscritto: il principe di Chablais, il ministro plenipotenziario Carlo Firmian, l’imperatore Giuseppe II, Bartolomeo Cavaceppi, Angelica Kauffman, il giovanissimo Mozart, Kirill Grigorievich Razumovski grande atamano dei cosacchi… E ancora: ambasciatori, nunzi apostolici, letterati, esploratori, ufficiali o semplici militari, vescovi e abati, nobiluomini e nobildonne italiani e foresti… Tutti passano – tra marzo 1754 e ottobre 1770 – dallo studio del più accreditato pittore veronese di quei decenni: Giambettino Cignaroli (1706-1770). E Cignaroli li registra minuziosamente con una scrittura che talvolta fa trasparire in filigrana dinamiche di mercato, ma anche legami professionalie amicali.
Il volume ne offre trascrizione commentata, nel tentativo di allacciare fi li rossi tra il caleidoscopio di personaggi che si avvicendano nell’atelier dell’artista e la città di Verona, che emerge da queste pagine come vero e proprio crocevia del Settecento europeo.

2017
42.00 €
 
pagina
1
...
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
...
149
torna alla copertina