Gianmaria Previtali, Francesco Previtali E Gabriele Previtali
Galleria Previtali
CONTATTI
Galleria Previtali
Via T. Tasso 21
24121 Bergamo (BG)
T +39 035 248393
F +39 035 240457

info@galleriaprevitali.com
www.galleriaprevitali.com

altre_sedi
Via S. Spaventa 68
24122 Bergamo (BG)
info@previtaliarte.com
www.previtaliarte.com

La Galleria Previtali è una delle attività storiche nel mondo dell'antiquariato italiano con 75 anni di esperienza e tre generazioni della stessa famiglia che si sono succedute nella conduzione. Oggi, nelle due sedi di Bergamo, si può trovare per varietà e qualità un'offerta di oggetti d'arte e antiquariato che riteniamo unica; questa a ampia offerta però non è il risultato di chi con poca specializzazione fa un po' di tutto ma è, bensì, il frutto delle competenze e degli interessi artistici ben precisi di ogni componente della famiglia Previtali che vengono nel complesso messi a disposizione della clientela. La sede storica di via Tasso offre gioielli, mobili, dipinti e sculture di antiquariato italiano dal '500 al Luigi XVI mentre la moderna sede di via Spaventa oltre a Ottocento, Novecento e fotografia contemporanea, l'offerta negli ultimi anni si è ulteriormente arricchita con un'ampia sezione dedicata all'home design, all'oggettistica regalo con alcuni noti marchi in esclusiva e alle collaborazioni con artisti emergenti attentamente selezionati. I soci della Galleria sono inoltre tutti iscritti alla Associazione Antiquari d'Italia (AAI)

NOTIZIE
ERNESTO COTER "DIPINTI 2005 - 2014"

Dal 10 al 31 Ottobre 2014 la Galleria di Via Tasso ospiterà una interessante mostra dedicata al pittore Ernesto Coter, artista bergamasco che, formatosi nel fervore artistico nell'Italia degli anni '50 e '60 dello scorso secolo decide poi di arricchire ulteriormente i propri orizzonti culturali trasferendosi per oltre un trentennio dall'altra parte dell'emisfero, alle isole Samoa. Nelle opere esposte, tutte eseguite nell'ultimo decennio, si trova condensazione di una intera vita dedicata alla pittura e di un percorso interiore che lo riporta a casa con un bagaglio di esperienza talmente "ingombrante" per un uomo solo da dover essere trasposto sulla tela per essere condiviso con noi tutti.