la biblioteca

Bernardo Falconi - Anna Maria Zuccotti

Faustino Boatti 1797-1857. Un protagonista del ritratto in miniatura e all'acquerello nella lombardia dell'età romantica.

Il volume rappresenta la prima circostanziata monografia sull'artista bergamasco (1797-1857) formatosi sotto la guida del cremonese Giuseppe Diotti (1779-1846) presso l'Accademia Carrara di Bergamo e divenuto, nel corso della prima metà dell'Ottocento, un apprezzato specialista nel campo del ritrattino miniato, in particolare presso l'aristocrazia di Brescia e Como. Completati gli studi nel 1821, Boatti inizia la sua fortunata attività di ritrattista e acquarellista, prima per l'aristocrazia della sua città natale dove gode della protezione del conte Andrea Vertova, poi per quella comasca e bresciana, fra 1828 e il 1832. Aperto un proprio studio a Milano all'inizio degli anni trenta, l'artista continuerà la propria attività nella capitale lombarda fin quasi alla morte che lo coglierà a Bergamo nel 1857. Il pluriennale lavoro di ricerca condotto dagli autori ha portato all'inventariazione di un gran numero di ritratti da lui eseguiti, qui dettagliatamente riprodotti e commentati. Si tratta di raffinatissime effigi, sempre attente al dato reale, stagliate su fondo unito, oppure ambientate in aggiornatissimi interni di gusto Biedermeier. o in luminosi paesaggi, che bene testimoniano il successo goduto per oltre un trentennio nella Lombardia dell'età romantica. Bibliografia e indice dei nomi, in appendice.

Scripta Edizioni, 2013
Cm. 30x22
pp. 119
tavole e figure a colori e in nero nel testo, cartonato e sovracoperta
ISBN 9788896162613
30.00 €
 
Rita Balleri

Modelli della Manifattura Ginori di Doccia. Settecento e gusto antiquario

Alla metà degli anni Cinquanta del Novecento, le indagini condotte dal marchese Leonardo Ginori Lisci nell' archivio di famiglia e sfociate nel suo pionieristico volume Le porcellane di Doccia (1963), diedero avvio agli studi sulla Manifattura di Doccia rivelando un particolare interesse per l' aspetto scultoreo.
Il saggio di Rita Balleri passa al vaglio i modelli che vennero messi a punto dagli scultori che lavorarono per la Manifattura nel corso del XVIII secolo. Di tutti quei "soggetti" dunque che furono impiegati per la realizzazione delle forme in gesso a tasselli' necessarie alla  traduzione in porcellana di celebri e meno celebri capolavori della statuaria. Il soggetto poteva tuttavia essere stato acquisito dalla manifattura oppure realizzato al suo interno. Lo stesso termine, però, veniva utilizzato negli inventari dei modelli di Doccia, per descrivere sculture che servivano come modello' da copiare. Se ne deduce che nella manifattura non esisteva una distinzione tra i modelli' , dai quali si sono originate le forme, e gli archetipi' , che sono stati impiegati come fonte d' ispirazione.
Quattro i saggi introduttivi vòlti ad approfondire il ruolo degli scultori di Doccia nel contesto della cultura neoclassica del tempo. A questi segue il catalogo dei pezzi censiti sulla base di un vastissimo spoglio inventariale. Bibliografia e indice dei nomi, in appendice.

L'Erma, 2014
Cm 28x21
pp. xvi-509
tavole a colori fuori testo e figure in nero nel testo, brossura
ISBN 9788891304667
290.00 €
 
SOUS LA DIRECTION DE FRANCEWSCO FRANGI ET ALESSANDRO MORANDOTTI

LA PEINTURE EN LOMBARDIE AU XVIIe SIECLE. LA VIOLENCE DES PASSIONS ET L'DEAL DE BEAUTE

Catalogo della mostra: Ajaccio, Musée Fesch, 2014.

Attraverso cinquanta tele dei suoi massimi esponenti, il volume torna ad illustrare le due anime della pittura lombarda del Seicento: quella violenta e drammatica dei cosiddetti pittori della peste che hanno in Morazzone e Cerano i suoi capofila; l'altra, di quieta sensualità religiosa capitanata da Camillo Procaccini e Nuvolone. Viene così superato il luogo comune di un'arte totalmente asservita al clima luttuoso che si respirava nella lombardi di Carlo e Federico Borromeo, a favore di una visione più ampia e rasserenata dell'universo figurativo lombardo del periodo barocco. Cinque i saggi introduttivi, accompagnati dalle biografie degli artisti. Puntuali schede critiche corredano il catalogo delle opere, per le quali sono spesso operati ulteriori confronti con la produzione dei singoli autori. Bibliografia e indice dei nomi, in appendice.

Lingua pubblicazione: Francese

Silvana Editoriale, 2014
Cm. 28x22
pp. 257
figure a colori e in nero nel testo, brossura
ISBN 9782913043459
30.00 €
 
torna alla copertina