FABRIZIO MORETTI

Moretti S.r.l.

Fondata nel 1999
Situata nel cuore di Firenze, tra palazzo Strozzi e Santa Maria Novella, la Galleria Moretti è stata aperta al pubblico dei grandi collezionisti il 26 settembre 1999 con l'inaugurazione della mostra Da Bernardo Daddi a Giorgio Vasari, e da subito si è contraddistinta per la sua specializzazione nei dipinti di alta epoca italiani, e soprattutto toscani. La galleria è presente alle più prestigiose manifestazioni antiquarie in Europa e negli Stati Uniti, tra le quali meritano di essere ricordate il TEFAF di Maastrict, Frieze Masters a Londra,Biennale dell'Antiquariato di Firenze, la Biennale des Antiquaires a Parigi. Nel 2001 la mostra Pittori attivi in Toscana dal Trecento al Settecento ha segnato l'ampliamento della specializzazione anche alla pittura italiana fino al XVII secolo.
Nel 2003: Da Ambrogio Lorenzetti a Sandro Botticelli. Dove hanno aperto la rassegna un superbo trittico di Taddeo Gaddi, strutturale e volumetrico, stretto seguace di Giotto e un’imponente raffigurazione della Madonna col Bambino, realizzata da Ambrogio Lorenzetti, uno dei più celebrati ed emblematici pittori senesi della prima metà del Trecento. Il Quattrocento, grand Siècle della Firenze medicea e umanistica, è rappresentato da un raffinato lavoro giovanile di Francesco Botticini, per raccontarci poi diversi milieux artistici italiani tramite il raro genovese Giovanni Mazone e una sofisticata Adorazione del Bambino del senese Pietro di Francesco Orioli.
Il costante impegno di studio e di ricerca ha permesso nel settembre del 2005 di presentare la nuova esposizione: Da Allegretto Nuzi a Pietro Perugino. Si è potuta ammirare la Santa Caterina d’Alessandria di Pietro Vannucci detto il Perugino, che rientra in Italia dopo una permanenza secolare all’estero. E’ una pregevolissima tavola che faceva parte di quella che per secoli è stata la più grande pala d’altare mai realizzata. Collocata al centro della chiesa della Santissima Annunziata di Firenze, era originariamente formata da sette dipinti tuttora esistenti che oggi sono divisi tra il Museo dell’Accademia di Firenze, la chiesa fiorentina ed il Metropolitan Museum of Art di New York e il cui recupero permetterà, in una prossima mostra sul Perugino, la riunificazione con le altre e una ricostruzione dell’altare originale.
Nell'ottobre 2007 è stata la volta della presentazione del catalogo Dagli eredi di Giotto al primo Cinquecento con due opere di Lorenzo Monaco, Taddeo Gaddi e Savoldo, solo per citarne alcuni


  • Jacopo di Paolo
    Bologna documentato dal 1371 - Bologna 1426

    Santa Margherita imprigionata mentre il padre adora gli idoli
    Tempera su tavola
    cm 38 x 22

    L’opera è una importante testimonanza della produzione di Jacopo di Paolo caratterizzata per l’assoluta raritá del soggetto narrante un episodio della vita della leggendaria vergine martine, pendant del Martirio si Santa Margherita appartenente alle colle
  • Cennino Cennini
    Colle di Val d’Elsa 1370 - Firenze 1440

    Madonna col Bambino tra angeli e santi
    Tempera su tavola
    cm 82 x 58

    La tavola, giunta fino a noi in eccellenti condizioni di conservazione, vanta un’autorevole attribuzione da parte di Miklos Boskovits ed è stata recentemente confermata da Angelo Tatuferi che sottolinea come i dati stilistici riscontrabili nell’opera conf