DOMENICO PIVA • TOMASO PIVA

Piva & C.

Fondata nel 1970
"Solo capolavori" è il motto che Domenico Piva si è dato per la ricerca e la valorizzazione delle opere d’arte e di antiquariato presenti nelle sue collezioni.
Tra i pochi a non aver ceduto alla specializzazione esasperata, persegue l’obiettivo della polispecializzazione che spazia dai dipinti di grandi maestri alla scultura e si rivolge con grande passione a tutto il contesto storico artistico di queste opere, dando risalto agli arredi soprattutto veneziani e lombardi, alle ceramiche e agli oggetti d’arte.


  • Ebanisteria ferrarese


    Scrivania da centro
    Erica selvatica intagliata, parzialmente dorata
    cm 143 x 167 x 96
    metà del XVIII secolo

    Il mobile un capolavoro di proporzioni e finezza di dettagli, in felice connubio fra una forma di origine romana e le decorazioni che risentono dell’influsso artistico di Venezia.
  • Nove, Bassano, Manifattura Antonibon


    Piatto in maiolica policroma decorato da carte da gioco
    Maiolica dipinta
    diam. cm 23
    1760 ca

    Il piatto è uno dei pochissimi esemplari conosciuti del servizio ornato con carte da gioco, probabilmente il più raro tema decorativo trattato dalla Manifattura Antonibon di Nove.
  • Francesco Londonio
    Milano 1723 - Milano 1783

    Contadina che dà da bere a un bambino
    Coppia di dipinti a olio su tela
    cm 71 x 69
    1760 ca

    Il soggetto, lo stile e la qualità esecutiva dei dipinti confermano l’autografia dell’artista, che ebbe un ruolo di primo piano nella vivace stagione della Milano illuminista.
  • Francesco Londonio
    Milano 1723 - Milano 1783

    Pastore con cavallo bianco
    Coppia di dipinti a olio su tela
    cm 71 x 69 ciascuno
    1760 ca

    Il soggetto, lo stile e la qualità esecutiva dei dipinti confermano l’autografia dell’artista, che ebbe un ruolo di primo piano nella vivace stagione della Milano illuminista.