la biblioteca

pagina
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
...
127
A cura di Alessandro Oldani e Paola Zatti.

Galleria d'Arte Moderna Milano. Le Collezioni.

Milano, 2017. Cm. 24x17, pp. 480, tavv. e figg. a col. n. t., br.

Fondata nel 1865 e trasferita nell’attuale prestigiosa sede di Villa Reale nel 1921, la Galleria d’Arte Moderna di Milano è una delle principali collezioni italiane di pittura e scultura dell’Ottocento e del primo Novecento. Il suo spazio espositivo si articola su tre piani per un totale di circa 2000 mq.
Il percorso prende avvio con opere appartenenti al Neoclassicismo e si conclude con dipinti e sculture del Romanticismo, della Scapigliatura, del Realismo e del Divisionismo. Per la prima volta vengono presentate in questo volume tutte le opere esposte – più di 600 – che contano, tra gli altri, capolavori straordinari di Appiani, Boldini, Canova, De Nittis, Hayez, Pelizza da Volpedo, Piccio, Previati, Rodin, Medardo Rosso, Segantini. Le collezioni di Carlo e Nedda Grassi e di Giuseppe Vismara, esposte al secondo piano nell’elegante allestimento degli anni Cinquanta dell’architetto Ignazio Gardella, arricchiscono ulteriormente il museo con opere di artisti delle avanguardie storiche quali gli italiani Balla, Boccioni, Modigliani, Sironi e dei grandi impressionisti e post-impressionisti europei come Manet, Van Gogh, Gauguin, fino al genio di Picasso.
Le opere sono presentate con schede semplici ma puntuali e sono tutte riprodotte a colori, grazie ad un’apposita e accurata campagna fotografica.

2017
24.90 €
 
A cura di Sabina de Calvi.

Giacomo Amato. I disegni di Palazzo Abatellis. Architettura, arredi e decorazione nella Sicilia Barocca.

Roma, De Luca, 2017. Cm. 31x28, pagg. 603, circa 1000 ill. a colori n.t., cartone e sovracop. figurata.

La collezione di disegni di Giacomo Amato (1643-1732), principale architetto del barocco palermitano, si conserva presso Palazzo Abatellis, a Palermo. Con questa pubblicazione si presenta la prima monografia, sulla poliedrica attività dell’architetto / decoratore / arredatore, consistente in un libro composto di una prima parte di saggi relativi alle varie discipline in cui Amato si cimentò, accompagnati da importanti studi di contesto relativi agli scambi artistici tra Sicilia, Roma, Napoli e la Spagna, e una seconda parte contenente il catalogo generale dei disegni raccolti nei sette volumi, in gran parte inediti. Rivelati al grande pubblico da Alvar González Palacios e saltuariamente pubblicati da studiosi, la collezione ammonta a un totale di 497 disegni. Si tratta dell’unica collezione di progetti di un architetto italiano del Seicento conservata intatta a livello europeo. Neppure gli Uffizi possono contare una collezione monografica tanto estesa e tanto completa. Presenta schizzi ed elaborati tecnici per opere diversissime: da chiese ed architetture civili a candelieri e alcove in argento, tavoli in marmi mischi, cornici, plinti e alzate per esporre e valorizzare le collezioni dei viceré spagnoli, suoi protettori. Numerosissime le tecniche grafiche utilizzate, spesso miste: carboncini più o meno grassi, diversi tipi di matite, dorature, coloriture (a tempera e ad acquarello), documentando in questo modo la varietà delle tecniche disegnative del Barocco siciliano.

2017
200.00 €
 
A cura di Tomaso Montanari e Dimitri Zikos. Collaborazione di Cristiano Giometti e Marino Marini.

La Fabbrica della bellezza. La Manifattura Ginori e il suo popolo di statue.

Firenze, Mandragora, 2017. Cm. 29x24, pagg. 159, numerose ill. e tavv. a colori n.t., brossura.

Catalogo della mostra tenutasi a Firenze, Museo Nazionale del Bargello dal 18 maggio al 1 ottobre 2017.

La porcellana di Doccia ha segnato la storia della manifattura artistica con i suoi lavori raffinati ispirati ai grandi capolavori dell’arte classica. Il catalogo, ricco di illustrazioni, si propone di accompagnare l’esposizione allestita al Museo nazionale del Bargello fornendo elementi utili al visitatore per ricostruire e approfondire le vicende dei manufatti di questa peculiare tecnica di lavorazione, in generale, e tracciare nello specifico la storia del successo della manifattura di Doccia.
I saggi si dividono in due parti: la prima ricostruisce la storia della manifattura aperta dai marchesi Ginori nel 1735 e lo stato dell’arte degli studi sul tema della porcellana. La seconda proponeuna serie di casi studio dedicati ai temi più interessanti della riproduzione in porcellana di grandi sculture antiche, oltre ad alcune delle opere più significative realizzate dalla manifattura, come il Tempietto di Cortona o il grande Camino.
Conclude il lavoro una sezione di schede delle 17 opere esposte in mostra.

2017
22.00 €
 
pagina
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
...
127
torna alla copertina